Guardare ma non guardare

immagine trovata su Google

immagine trovata su Google

Prendi un uomo normale sessualmente attivo (non dedito allo stupro…un uomo normale, come tanti…) che sta andando al lavoro, seduto al solito posto del solito tram che prende da ormai dieci anni per andare nel solito ufficio…mettigli davanti una ragazza di età indefinibile (perché, per fare un esempio, le quattordicenni di oggi di quattordicenne hanno solo l’età anagrafica) con addosso quelle braghette bellissime che si è comprata nei saldi in un negozietto in via Torino, quelle che tutti dicono sembrare mutande ma cavolo, no che non sono mutande, sono pantaloni, diamine! Che succede? La guarda.

Le guarda il bagaglio perché nessun uomo eterosessuale al mondo che non sia cieco non noterebbe una bella ragazza col sederino di fuori O il seno della provocante signora della metro strapiena che ha scelto di indossare proprio quella camicetta talmente scollata da far trapelare l’areola del capezzolo destro O che la stangona in gonnella a palloncino si è appoggiata non proprio a caso sul bancone dello stand promozionale nel supermercato-X alle 11:30 di un sabato mattina qualunque in modo da mettere chiappe, perizoma e monte di Venere in totale mondovisione (in questo caso ringrazia sentitamente anche la fidanzata per non aver avuto voglia di andare a fare la spesa e averci mandato lui). 

Ma se si viene beccati a guardare un po’ più a lungo del previsto, si diventa dei poveri maniaci bavosi e disperati esattamente come il pover’uomo stravaccato in spiaggia del tutto ignaro del suo testicolo ribelle che fa capolino dallo slippino decennale ormai smollacciato. 

Le domande mi sorgono spontanee. Di cosa è colpevole esattamente un uomo che guarda, senza far male a nessuno, ciò che gli viene messo sul naso in modo spudorato? Perché denudarsi in modo eccessivo in contesti diversi dalla Pinuccia Disco Dance/ bar della spiaggia di Gatteo Mare per poi sconvolgersi a morte nel momento in cui si percepisce di aver catturato l’attenzione di un uomo? Sono proprio quei tre centimetri di stoffa in più a provocare la tanto famigerata vampata di calore?

Inoltre…non sarebbe, all’alba del 2014, il caso di smetterla di sventolare il vessillo della Moralità e ammettere, una volta tanto, che sì, a qualcuna di voi piace suscitare erezioni nel prossimo? Non ci sarebbe niente di male, anzi.

Solo non prendeteci per il culo, perché chi guarda è solo un tizio, uno qualunque, che si è trovato per caso sul vostro stesso cammino, bombardato visivamente dalle vostre scelte d’abbigliamento e che reagisce ad esse passivamente invece che attivamente…cosa che il vero porco schifoso fa e deve essere punito per questo.

Annunci

13 pensieri su “Guardare ma non guardare

  1. > mettigli davanti una ragazza di età indefinibile

    Il più grande problema del XXI secolo, eccetto la mancanza di lavoro, le crisi economiche, le epidemie e robe di questo tenore.

  2. non voglio fare la moralista (chi è senza peccato bla bla bla) né quella nata cent’anni fa dal momento che sono ancora una under trenta…ma non vedo più le normali tappe di crescita che una donna deve fare…sono tutte catapultate in un mondo adulto e agiscono da adulte. Ma non sono adulte. Perché a 13 anni ci si deve preoccupare di sedurre un uomo di trent’anni?!

  3. No, ma sono d’accordo.
    In giro per Milano si fa fatica a distinguere una under-16 da una 18+, molte volte.
    Te lo dico per esperienza personale.

  4. a volte è difficile prendere posizione. potrei dirti che chi vuole farsi guardare si deve lasciar guardare. ma passerei per quella che dà ragione agli stupratori, perchè loro van vestite in giro così…..

    in realtà è tutto molto più semplice. e molto più complicato al contempo. basterebbe ammettere, come dici tu, che a qualcuno piace farsi guardare. come a qualcuno piace guardare. e che in tutto questo, non c’è niente di sbagliato ma solo tutto di NORMALE. basterebbe che la gente accettasse il sesso come una parte normale della nostra vita. normale, naturale e ovvia. non deplorevole, sporca, vile e orrenda.

    come dicevo. tutto molto più smeplice e molto più complicato al contempo.

  5. Ciao! Sono arrivata a questo post tramite un link di facebook, e pur capendo appieno la tua posizione vorrei aggiungere qualche elemento che mi sembra tu non abbia preso in considerazione. Vedi, anche qui come in molti altri casi non è tanto una questione di quanto, ma piuttosto di come. Non c’è un limite di tempo di sguardo oltre al quale si passa dalla categoria “normale” a quella “maniaco”: tuttavia c’è un modo ben distinto di guardare, quel modo di percorrere il corpo di qualcun altro con gli occhi come se lo si stesse facendo con le mani, come se lo si possedesse, ecco è questo che è viscido e schifoso e garantisce il cambio di categoria. Questi sguardi te li senti addosso, sono invasivi, e provengono da individui che vogliono in qualche modo affermare il proprio potere sul corpo altrui.
    Insomma gli occhi son fatti per guardare, quindi che si guardi pure, esercitando pero`quel minimo di discrezione di cui sono certa tutti gli “uomini normali sessualmente attivi (non dediti allo stupro…uomini normali, come tanti…)” sono capaci.

  6. Ciao! Intanto grazie per la tua lettura…hai perfettamente ragione!! Non ne ho parlato perché le mie riflessioni sono sempre rapportate alla normalità. In questo specifico caso ho voluto parlare di sguardi normali…non malati…sguardi che cadono necessariamente e che non offendono, insomma…quelli di uomini comune che apprezzano un bel corpo! So bene che esistono anche gli altri sguardi, malati e ossessivi, che ti fanno sentire a disagio e quasi impotente…non ne ho parlato perché è un argomento troppo delicato e serio per essere infilato nel mare di cazzate che scrivo…non perché non c’entra niente…ma perché non voglio rischiare di minimizzarlo o farlo sembrare meno serio.

  7. Pingback: Se ti viene mostrata una cosa bella, perchè non guardarla? | Avventure di un inguaribile sognatore pigro

  8. Salve. Ho citato questo tuo intervento nel mio blog perchè mi è successa una cosa simile a quanto leggo qui. Spero di non crearti problemi a riguardo, ma se così fosse fammi sapere e provvederò a cambiare. Grazie per l’attenzione ^^

  9. Caspita, anche a me capita di guardare queste situazione e non sapere se guardo o no, il tempo passerà ma se non facciamo uno esercizio di conscienza..di niente vale e niente cambierà. 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...