Cosa non fare assolutamente, per nessun motivo al mondo, nel primo semestre d’Amore (per Lei)

Immagine

“Innamorati di Peynet”
immagine trovata su Google

Le donne non sono immuni, in una relazione. Che detta così può sembrare che ho bevuto e ho scritto una frase senza senso. Ma il senso ce l’ha e come. Le donne in una relazione contano esattamente quanto gli uomini e, proprio come loro, non possono fare tutto quello che vogliono incondizionatamente. Così come l’Uomo ha una breve lista di cose che non deve assolutamente fare nel primo semestre d’Amore, lo stesso vale per noi Dame di Corte.

 

1) Pensare di potere tutto solo perché non siamo state scaricate dopo il terzo appuntamento;

2) Dichiarargli eterno amore dopo la prima settimana di relazione;

3) Chiedergli in prestito il rasoio millelame che usa per radersi per depilarci l’inguine;

4) Smettere di depilarci dopo il primo mese di relazione perché “tanto lui mi ama” ( l’Amore al massimo rende scemi ma sicuramente non ciechi ed insensibili al tatto);

5) Ammazzarlo di paranoie no stop;

6) Ammazzarlo di pettegolezzi no stop;

7) Ammazzarlo (si sa mai che ci parta l’embolo) ;

8) Chiedergli ossessivamente “ti sembro grassa?” ad ogni colazione, pranzo, merenda e cena insieme;

9)Pretendere che rinunci al calcetto storico con gli amici per stare con noi sul divano con la coperta piena di briciole di biscotti e peli di gatto a guardare Bambi, incazzandoci perché non piange;

10) Dare per scontato che lui capisca come ci si sente in prossimità del ciclo mestruale;

11) Dare per scontato che lui capisca che in quel momento così delicato deve rispondere quello che noi vorremmo sentirci dire e non per logica matematica;

12) Dare per scontato… ;

13) Raccontargli i giorni felici con i nostri ex e diventare iene al primo aneddoto sulla sua fidanzatina dell’asilo;

14) Trasformare casa sua nella Casa delle Bambole;

15) Trasformare la sua auto nel bidone dell’indifferenziata;

16) Trasformare lui, per poi lamentarci (con lui) perché non è più quello che avevamo conosciuto;

17) Crocifiggerlo perché ha scordato l’anniversario del settimana-versario;

18) Parlare di una potenziale vita insieme nella casa bianca con steccato e dei cinque figli che a Natale scarteranno i regali davanti alla stufa a pellet dell’Obi col cane che scodinzola felice sul tappeto persiano made in Ikea;

19) Eccedere nella smania di voler controllare tutto, ad ogni costo, sua esistenza compresa;

20) Credere di essere Madonne scese nella sua vita per gentil concessione dell’Altissimo Gesù Cristo e, quindi, di essere indispensabili alla sua sopravvivenza in questo Mondo.

Detto ciò, incrocio le dita e spero che il mio fidanzato non legga questo articolo. In caso contrario, se non mi sentite più potrete trovarmi a Villa Speranza, reparto “ottimi predicatori, pessimi razzolatoti”, stanza da decidersi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...