Un herpes per amico

Immagine

immagine trovata su Google

 

Io vorrei ringraziare tutte quelle persone che partecipano attivamente alle nostre vite, talvolta più attivamente di quanto non vi partecipiamo noi. Grazie, perché voi ci siete sempre. In salute e in malattia, ricchezza e povertà…mattino, mezzogiorno e sera,Natale, Capodanno e Pasqua. Siete stoiche presenze, fari nell’oceano in tempesta, costanti universali fisse nella nostra mediocre vita, come l’herpes, che una volta che lo prendi chi te lo toglie più.. 

Comunque, c’è da riconoscere che avete una bella costanza, voialtri. No perché ce ne vuole a conciliare tutto. Perché anche voi avrete una vita, voglio sperare. Oppure passate le giornate a spiare su Faccialibro chi fa cosa, nell’attesa di vedere quel chi e dirgli la vostra sacra opinione che avete covato per una settimana? Ogni tanto il dubbio mi sorge. 

Ora che vi abbiamo ringraziato per impegno e dedizione, una cosa ve la dobbiamo dire. Non lo avete ancora capito che a noi non ce ne frega niente? Riformulo, che così suona male e poi mi dicono che sono una zitella acida. Non vi sorge -ogni tanto…mica sempre- il dubbio che se una persona più o meno sconosciuta non vi chiede cosa ne pensate dell’argomento-X, forse non gli interessa saperlo? Bene. Detto ciò, se noi con voi di cui non sappiamo più o meno nulla parliamo del tempo atmosferico e non della nostra vita privata, perché voi di cui di noi sapete più o meno lo stesso di cui noi sappiamo di voi (se avete letto tutto, congratulazioni! Avete superato il test del Lettore Attento!) ci rispondete ciò che pensate del modo in cui abbiamo gestito la firma del rogito della casa, di cui non vi abbiamo mai parlato? Come vedete, c’è un problema di comunicazione. E di interferenza nella vita privata di terzi. 

Ragazzi ve lo dico col cuore, rilassatevi. Ce la caviamo bene da soli. Non ci serve la balia. Tipo, faccio un esempio, se mangiamo una pizza peperoni, panna e salsiccia (crosta compresa) e la mangiamo tutta -ma proprio tutta!- facendo la scarpetta del sugo col pane all’aglio e dopo ci slappiamo anche la torta ferrero rocher a tre strati…sono affari nostri e del nostro stomaco prossimo all’indigestione. A voi la cosa non vi tocca. Tantomeno deve toccarvi se usciamo con un ultra-settantenne asmatico dai problemi prostatici. Al massimo contattate in privato assistenti sociali e forze dell’ordine, ci penseranno loro a stabilire se sia un caso di pedofilia o se si tratti semplicemente di gusto per l’orrido

Ricordate sempre, amici: Errare humanum est…sed non est cumpito vostro sparare sententie ad beatissima et sfacciatissima minchia. A meno che non rientriate nella Sacra Cerchia degli Strettissimi Amici. Lì potete tutto, anche dirci che abbiamo la cellulite sulla fronte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...